E così

vi do la buonanotte. Grazie a tutti, da qui, da questo posto immateriale. Un solo monito, mi lascio: dobbiamo farle più spesso queste cose, nessuno le sa far meglio di noi. Notte. ‘Notte…

L’illusione

è configurata stabilmente, ormai. Sembra soltanto una visione esterna della camera craniale ausiliaria, e invece è parte del continuum stesso. Di quello che si svolge altrove. Il dado è tratto.

Oltre

la strada, un coreografo di arcobaleni distopici segna ilsentiero tra l’olografia e la sensazione postumana.

E’

stato allora che ho visto le quattro dimensioni fondersi in un solo filo monomolecolare di tempo rappresentativo. E’ stato allora che sono uscito dalla mia solita condizione esistenziale per entrare in un’altra di pura trascendenza.

Brandelli

di discorsi subliminali spazzano l’aria. Tra le molecole.

– Cosa fare? osa fare? sa fare? fare? re?…

Cosa

hai trovato? L’Ordine è una sequenza di codice inumano travestito da postumano.

Trovare

il codice logaritmico che mi assicuri una nuova compagna è quanto di meglio questo post possa riversare sulla moltitudine postumana in ascolto.