Mister Icke

Scendo le scale velocemente. Sudo freddo, mi sento osservato. Il sole penetra nella hall come una lama bollente. Seduto su un divano di pelle che pare aver conosciuto epoche migliori, Mister Icke, avvolto nel suo solito sdrucito cappotto beige. Mi avvicino. L’odore del suo dopobarba da quattro soldi lo rende simile a una creatura cinematografica. Qualcosa di simile a un mutante partorito da una pellicola in bianco e nero.

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...